Home
Impostazioni PersonaliLe tue sottoscrizioniTutti i profiliDisconnettiutente non registrato    

un altro 68

un altro 68

aree Riduci questa sezione...
Società e politica Riduci questa sezione...
What's new
Nuovo forum
Agenda politica milano
Documenti di lavoro: area pubblica
Documenti sul lavoro autonomo e precario
Documenti di politica italiana
Link Riduci questa sezione...

operazioni Riduci questa sezione...
 Forum di discussione

Vedi profilo... vincenzo   -   10/11/2008   -   18:57:58

Messaggio visto 217 volte dagli utenti || Messaggio visto 0 volte da te

"Re: Cosa festeggiamo?" Purtroppo sulla prima guerra mondiale conosciamo ben poco se non la propaganda militarista.
Quanti soldati sono stati uccisi dal "fuoco amico".Durante il servizio militare spiegavano come fosse "normale" sparare le cannonate alle spalle dei soldati per evitare che indietreggiassero.
Cosa ha rappresentato la sconfitta di Caporetto, al di là dell'incapacità dei  generali? E' stato un rifiuto dei soldati ad attaccare ancora dopo 4 anni di una inutile carneficina? Occorrerebbe leggere "Un anno sull'altopiano" di Emilio Lussu o vedere il film "Uomini contro" da cui è stato tratto. Ricordo inoltre che i soldati sono stati mandati allo sbaraglio senza atrezzatura adeguata per l'inverno (come nell'ultima guerra in Russia) e che molti di questi provenivano dalle campagne e soprattutto dal Sud e neppure sapevano cosa fosse l'Italia, analfabeti. Ricordo quanti di questi sono rimasti mutilati con i piedi e le mani congelati dal freddo. A pensare a tutto questo come si può festeggiare?

- Reply to:

Vedi profilo... mario   -   08/11/2008   -   16:47:17

Messaggio visto 342 volte dagli utenti || Messaggio visto 0 volte da te

"Cosa festeggiamo?" Questa recensione riguarda l'articolo della home page "Cosa festeggiamo?" che fa riferimento al 4 novembre. Voglio segnalare  un contributo all'inidrizzo  http://cronologia.leonardo.it/storia/a1918y.htm che aggiunge un ulteriore elemento di demistificazione alla ipocrisia dei festeggiamenti ufficiali.
A Caporetto furono presi prigionieri 300 mila soldati italiani. Germania ed Austria avevano ormai diverse centinaia di migliaia di prigionieri provenienti da tutti i fronti di guerra e non erano in grado di dar da mangiare a tutti, per cui tramite la Croce Rossa chiesero ai paesi di origine dei prigionieri di inviare viveri e indumenti. Solo il Governo Italiano rifiutò l'aiuto per punire la presunta viltà dei prigionieri. Così oltre 100 mila soldati, mandati a morire da generali incapaci e da una classe politica cialtrona morirono di fame e di malattia.



Barra di ricerca...
Area tematica: Cerca:
Vai ►

© 2007 Powered by